Per visualizzare questo elemento è necessario Flash Player.
Unicef
Guardia Costiera

Quintavalle: "Sgomento ma fiducioso nella Magistratura"

"In ordine all'accusa rivoltami di traffico di influenze nell'ambito dell'inchiesta su presunti episodi di corruzione alla Asl Roma 1, non posso non nascondere il mio sgomento, ma nell'attesa di conoscere i fatti che mi sarebbero contestati e ancora ad oggi non noti, mi sento sereno nell'affrontare la questione e fiducioso nell'operato della Magistratura". Con queste poche righe inserite in una nota stampa, il direttore generale della Asl Rma 4, Giuseppe Quintavalle, è intervenuto per commentare la vicenda giudiziaria che lo sta interessando da quache giorno.

Il massimo esponente della sanità pubblica del territorio, risulta infatti indagato dalla Procura della Repubblica di Roma per traffico di influenze, un reato introdotto di recente nel codice penale, nell'ambito dell'inchiesta su presunti anomali rapporti tra politica e sanità. Un'indagine condotta dai Carabinieri, che ha portato all'arresto di nove persone e all'iscrizione di altre dieci nel registro degli indagati e che ruota attorno alla figura di Antonio Angelucci, titolare di alcune importanti cliniche private della capitale. A quanto sembra, l'accusa nei confronti di Quintavalle prenderebbe spunto da un'intercettazione telefonica. In una telefonata intercorsa tra un medico ed un architetto, il primo avrebbe detto al secondo che il manager della Asl Roma 4 gli avrebbe presentato un costruttore, successivamente entrato nel giro degli appalti della sanità. Di qui l'accusa di traffico di influenze. Con tutta probabilità, Quintavalle sarà ascoltato dal Magistrato che conduce l'inchiesta, il dottor Corrado Fasanelli, già nel corso della prossima settimana.

Social

Facebook Twitter YouTube RSS Feed

Cerca nel sito

Videogiornale
Streaming TRC
banner
banner
Aeranti Corallo

Artimediali - Web Design & Graphics - Creazione siti Internet
Realizzazione siti web