Per visualizzare questo elemento è necessario Flash Player.
Unicef
Guardia Costiera

Bad Doctor, i dubbi delle difese

Dopo le decisioni che sono arrivate nei giorni socrsi dal Tribunale del Riesame, sembra ridimensionarsi l'inchiesta Bad Doctor, che tanto clamore aveva destato, soprattutto inizialmente. Questa almeno l'analisi delle difese degli indagati. Sentiamo al riguardo il giudizio dell'avvocato Stefano Bonifazi, legale difensore del medico Gino Saladini. VIDEO

"Cosa penso dell'indagine? – afferma l'avvocato Bonifazi - Io spero che si arrivi a breve al punto di chiarire la situazione. Certo, Saladini non ha preso soldi e probabilmente si è trovato in un certo contesto. Parliamo di una persona generosissima, che ha mille attività e mille interessi. Nell'esame delle singole situazioni riguardanti i reati, mi sono imbattuto spesso e volentieri, in errori abbastanza evidenti, ripetuti più volte nell'ordinanza e negli atti, che spostano completamente l'ago della bilancia in ordine alla valutazione del fatto. Spesso ci si innamora delle tesi, e una tesi accusatoria portata avanti, porta a valorizzare soltanto degli aspetti e magari, in perfetta buonafede, a non tener conto di altri elementi che se riconsiderati opportunamente, potrebbe far vedere la situazione in modo completamente diverso. Poi, visto chi sono i personaggi, avrei forse fatto qualche considerazione in più. Però, ci sta anche questo. L'importante è che poi ci sta la valutazione di un giudice terzo, che riguarda solamente l'adozione della misura cautelare, che riporta un minimo di serenità di giudizio. Mi auguro che questa serenità di giudizio ci sia anche a livello locale, perché mi è parso che non ci fosse tranquillità nella valutazione. Anche noi avvocati siamo chiamati a dare un contributo importantissimo nel raggiungimento della verità".

Social

Facebook Twitter YouTube RSS Feed

Cerca nel sito

Videogiornale
Streaming TRC
banner
banner
Aeranti Corallo

Artimediali - Web Design & Graphics - Creazione siti Internet
Realizzazione siti web