Per visualizzare questo elemento è necessario Flash Player.
Unicef
Guardia Costiera

Allumiere, Stefanini (Cp): la Regioni difenda l'acqua pubblica

"In questi giorni in paese si è discusso dei problemi di approvvigionamento idrico causati dalla stagione più siccitosa dai primi dell'800 e della discutibile gestione dei servizi da Parte di AceaAto2". Inizia così una lunga nota firmata da Emiliano Stefanini di Campo Progressista.

"Ho assistito personalmente - afferma Stefanini - ad una imbarazzante discussione dove si sono susseguiti interventi senza cognizione di causa che a tratti hanno avuto del ridicolo, attribuendo competenze e possibilità ai cittadini e all'Amministrazione Comunale che non stanno né in cielo né in terra. Sembra come se sulla scia degli eventi prima dell'Inghilterra e poi della Catalogna anche ad Allumiere ci sia stata una sorta di "brexit e dichiarazione d'indipendenza" e si sia costituita la "Comunità autonoma delle Allumiere" fuori dall'Europa, dallo Stato italiano e dalla giurisdizione della Regione Lazio. Si è parlato a sproposito sia dell'esito referendario del 2011 attribuendo allo stesso un significato che non gli appartiene cioè "acqua pubblica/acqua privata" cosa che non corrisponde alla realtà cosi come l'accusa all'Amministrazione Regionale per non aver designato i nuovi Ato (Ambiti Territoriali Ottimali) come se non esistessero gli attuali cinque Ato su base provinciale, facendo una profonda confusione tra l'attuale suddivisione amministrativa del territorio regionale e la suddivisione in ABI(Ambiti di bacino idrografico) come introdotto dalla Legge Regionale 5/2014. Si è sentito parlare di reinternalizzazione del servizio idrico da parte del Comune di Allumiere e di fantomatiche petizioni popolari da mettere in piedi, ma nella totale assenza di spiegazioni riguardo quale normativa possa consentire tale scelta e con quali soldi (fondo di ripubblicizzazione) si possa revocare l'affidamento in essere e come tornare in dietro per rientrare in possesso degli impianti regolarmente ceduti ad AceaAto2. Campo Progressista facendo parte della coalizione che ha portato all'elezione della nuova Amministrazione comunale, intende differenziarsi e marcare distanza dal mondo della politica surreale tesa a creare improbabili aspettative per la cittadinanza. A tal scopo riteniamo opportuno sollecitare la Regione Lazio anche attraverso l'attività dell'Amministrazione comunale di Allumiere proponendo al Sindaco Pasquini e al Consiglio Comunale una Mozione da sottoporre alla discussione consiliare. In sintesi la Mozione proposta impegna il Sindaco e la Giunta Comunale a sollecitare il Presidente e la Giunta della Regione Lazio ad attuare la L.R. 4 aprile 2014 n. 5 "Tutela, governo e gestione pubblica delle acque" e quindi:
ad approvare un atto amministrativo che in attuazione dell'art. 5 di suddetta Legge Regionale istituisce gli Ambiti di Bacino Idrografico e dispone la Convenzione di Cooperazione Tipo per il governo dei medesimi prendendo a base della discussione la proposta di legge prodotta dal Coordinamento Regionale Acqua Pubblica Lazio e depositata dal Consigliere regionale Gino de Paolis e coofirmata da diversi consiglieri regionali, di maggioranza e opposizione, denominata PdL n. 238 che punta alla definizione di una pluralità di ambiti territoriali ottimali, anche di dimensione subprovinciale, su base idrografica;
nelle more della definizione del nuovo assetto del servizio idrico integrato sul territorio della regione, a porre in essere ogni possibile azione volta ad impedire il passaggio forzato degli impianti dei comuni ai gestori del servizio in forza delle convenzioni stipulate sulla base della normativa previgente e volta ad intervenire immediatamente per la cessazione degli affidamenti e delle concessioni non conformi alle norme europee".

Social

Facebook Twitter YouTube RSS Feed

Cerca nel sito

Videogiornale
Streaming TRC
banner
banner
Aeranti Corallo

Artimediali - Web Design & Graphics - Creazione siti Internet
Realizzazione siti web